Facebook Twitter Canale Youtube RSS
SPECIALI
7 Maggio 2010 - 18:56

Far East

 Print Mail
Horror Day
Far East
Anche quest'anno al far east festival grande successo ha avuto l'horror day: un intero giorno all'insegna dell'orrore. I primi 4 film collegati alla retrospettiva giapponese Nudes! Guns! Ghost! I sensazionali Film Shintoho. Si è partiti alle 9 con il film del 1960 Vampire Bride dove una studentessa di balletto giapponese si trasforma in un mostro per vendicarsi delle compagne. Su imitazione hammeriana, un film che non convince molto con semplici cartelli di Sapporo e Coca-Cola. Il secondo film è stato Ghost Cat of Otama Pond, film di Ishikawa Yoshihiro nel quale un giovane è vittima di una maledizione che risale al medioevo. Il film del 1960 rielaborava, rendendoli forse più attuali i temi di Ghost Story of Yotsuya, film del 1959 di Nakagawa Nobuo, anch'esso ambientato nel Giappone feudale e proiettato alle 14. Nessuno dei due, ovviamente conteneva product placement. Il quarto film della serie è stato Bloody Sword of the 99TH Virgin, film del 1959 di Matagani Morihei, film controverso a causa del racconto di un villaggio isolato (tipo The Village) dove si fanno le migliori spade (99) ognuna delle quali forgiata con l'uccisione di una vergine. Anche in questo caso nessun product placement. Passiamo al teatro nuovo dove si è vista in anteprima Phobia 2, film a episodi (5) che partendo da disastri stradali si narrano 5 episodi inquietanti. In ordine di crescente: un ragazzo decide di farsi monaco buddista ma deve vedersela con il suo passato (niente pp), un altro viene portato in ospedale ma il vicino morente ha qualcosa che non torna (Sony), la proprietaria di una concessionaria vende Mercedes stregate, un'attrice torna sul set per finire il film anche se è morta (Nokia) e due autostoppisti chiedono il passaggio ad un camion carico di Zombie (Adidas). Come al solito il Ronin Team si dimostra fra le migliori promesse del cinema horro del far east, come già era successo con il primo Phobia e, soprattutto, con gli Art of the devil. Carino ma un po' deludente, il sesto film della maratona Possessed, storia di un condominio dove avvengono strane impiccagioni e il settimo Slice dove si insegue in uno strano viaggio una valigia rossa piena di pezzi di cadaveri. Grande invece Who Are You? film Tailandese di Pakphum Wongjinda che sembrerebbe trattare il problema degli otaku ma, così come era successo nel film di Kurosawa, niente nei film degli otaku è come sembra. La fa da protagonista un computer Apple. (living dead)
JMN

Riferimenti Dy's Group

Dy's Chronicles
Dy's World
Dy's Pro
Documentazione

Approfondimenti

www.fareastfilm.com



www.dysnews.eu

Share |