Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
23 Maggio 2021 - 15:14

BEST FRIEND WORST PRODUCT PLACEMENT

 Print Mail
Best Friend (Hwan-kyung, ROK, 2020)
BEST FRIEND WORST PRODUCT PLACEMENT

Nell'anno in cui Seoul ha voluto raccontare cosa successe nella Corea del Sud nel 1979 con The President's Last BangThe Man Standing Next, visti lo scorso anno al Far East Film Festival di Udine, senza contare la bella storia del taxista di Taeksi Woonjunsa – A Taxi Driver visto a suo tempo al Torino Film Festival ma adesso recuperabile sulla piattaforma Fareastream, è strano trovare questo film al Florence Korea Film Festival che tratta ancora di lotte di potere a Seoul, questa volta nel 1980, che inizia con il mettere in chiaro che tutto quello che viene mostrato (compreso i protagonisti) sono immaginari.

Il film parte con il rapimento di Ui-Sik, un politico che vorrebbe partecipare alle elezioni che viene rapito all'aeroporto. In realtà è semplicemente stato rapito dalle autorità che hanno messo lui e la sua famiglia agli arresti domiciliari.

La casa è ovviamente piena di cimici e come vicini di casa c'è la squadra di Dae-Know, un giovane e brillante "cacciatore di comunisti".

I tre uomini partono con tutte le buone intenzioni nel loro lavoro ma a poco a poco si imbattono sia nell'ottusità dei controllori  che nell'apprezzamento dell'uomo e della sua famiglia.

La vicenda si sviluppa in modo più o meno drammatico fra spy story, azione, dramma ma anche commedia soprattutto ogni volta che le tre spie un po' disastrose devono riuscire a non farsi scoprire.

Fra le scene più divertenti quella della restituzione della vanghetta a Ui-Sik che rischia di diventare omicidio colposo, quella in cui l'agente innamorato della figlia di Ui-Sik, durante una perquisizione, scopre il cassetto delle sue mutandine e quella della mano del protagonista sporca di merda rossa (son talmente comunisti che cagano rosso) mentre è nascosto nella fossa biologica del cesso che si trasforma nella mano piena di Kimchi da infilare nella bocca del sgretario del partito (come involtino) mentre uno dice squisito e l'altro di non essersi lavato la mano da quando ha ottenuto l'incarico.

Fra i product placement, per rimanre in tema il Seoul Fresh Milk che i 2 bevono durante una gita al bagno pubblico ma che in entrambi provoca un effetto collaterale. Il classico product placement di CENSORED

Gerardo Corti

©www.dysnews.eu

Share |