Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
23 Maggio 2024 - 23:29

IL CUORE IN FUJICOLOR

 Print Mail
Beyond youthful days (Michihito Fujii, Giappone/Taiwan, 2024)
IL CUORE IN FUJICOLOR

Il film nippo-taiwanese Beyond youthful days contiene tutto ciò che non mi piace in un film. Immagini forzatamente "magnifiche" amplificate dalla colonna sonora che si sovrappone pesantemente, refrain sdolcinato riproposto ad infinitum, poesia da prima pubertà, riproposizione di situazioni di timido corteggiamento già viste e riviste in decine e decine di altri film, finale strascicato di quelli in cui la parola fine poteva essere messa almeno venti minuti prima senza il bisogno di ribadire più volte i concetti...

E allora perchè non riesco a dare un giudizio negativo al film? Perché è comunque uno dei film più toccanti che mi è stato dato modo di vedere negli ultimi anni e ho dovuto sforzarmi per non dover estrarre il fazzoletto come molti spettatori dietro di me hanno fatto al Teatro Giovanni da Udine dove si tiene il FEFF Far East Film Festival 2024.
Un giovane di Tainan, Taiwan, che non ha ancora deciso cosa fare della sua vita, incontra, nel karaoke bar dove lavora, una ragazza giapponese, Ami, giunta a Taiwan per amore di viaggiare e che, rimasta senza soldi, viene pure lei ingaggiata dal titolare del locale. Con la sua abilità artistica (dipinge molto bene) e la sua affabilità conquista tutti e, soprattutto,  il giovane Jimmy di cui sopra che se ne innamora. Dopo un mese di permanenza la ragazza deve tornare a casa e lascia un vuoto enorme nel cuore di Jimmy. Diciotto anni dopo il ragazzo, ormai adulto di successo (è un programmatore di giochi da computer), decide di concedersi un viaggio in Giappone sulle tracce di Ami...

Il viaggio come ricerca di se stessi, alla ricerca della realizzazione dei propri sogni è argomentazione parallela e altrettanto importante dell'amicizia e dell'amore che sono invece i temi principali di questo film molto, troppo, sdolcinato ma che è un potente defibrillatore  per i cuori dello spettatore.

Il film inizia sul dettaglio di una scarpa New Balance, primo product placement di un film che vede anche Tommy Hilfiger, Fujicolor, Acer e Mitsubishi tra le brand mostrate. Poi i social e i motori Windows, Instagram, Google.

 

STEFANO BARBACINI

 www.dysnews.eu