Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
23 Novembre 2015 - 00:59

TFF 33

 Print Mail
Cemetery of splendour - Apichatpong Weerasethakul (Thai,15)
TFF 33

Dormire, condizione che permette di sognare, di entrare in contatto con un mondo altro, quello delle divinità protettrici, dei fantasmi.

Evadere, fuggire da una vita di violenza e mancanza di libertà. Nella Thailandia dei militari la voce poetica dell'ormai pluripremiato Weerasethakul arriva al Torino Film Festival 2015 e si espande per il mondo tramite i suoi film.

Sopra il "cemetery" del titolo è stato costruito un ospedale dove alcuni soldati dell'esercito thailandese giaciono in un coma tranquillo, accuditi dall'anziana protagonista, una donna zoppa che si lamenta di non riuscire a dormire e a trovar pace. Il sonno dei soldati è tranquillo e anche quando si svegliano ricadono dopo poco addormentati. Tramite una sensitiva sappiamo che i loro contatti con l'oltreterreno sono rappacificanti con la loro memoria, insomma forse il loro sonno li tiene lontani dalle paure, dagli obblighi. Forse è un sonno benedetto.

Il regista immerge la macchina nella vegetazione rigogliosa, ai bordi del mare dove la natura tutta rimane spettatrice delle piccolezze umane, di quegli inutili e frenetici movimenti verso il nulla.

Il dolore da esorcizzare nella poetica alta di Weerasenthakul non è solo un dialogo con sacerdotesse morte e reincarnate per venire a gustarsi i frutti della natura assieme alla nostra protagonista, ma è anche una ricerca di evasione nella cultura popolare che il regista non dimentica mai nel suo discorso autoriale. Ed è così che il fumetto (tutti vorrebbero essere come Superman con i suoi poteri) e il cinema horror di serie b (di cui la Thailandia ha grande tradizione) creano momenti di distrazione dall'immobilismo voluto da un autoritarismo militare.

Weerasenthakul, un autore ormai tra i maggiori. 

Product placement che vede accidentali apparizioni di FLY EMIRATES e SUPREME su magliette indossate da giovani, ma è soprattutto una "contro-pubblicità" a cogliere la nostra attenzione. Durante un discorso tra due donne la PEPSI viene accusata di causare colesterolo alto!

 

Stefano Barbacini

Rak ti Khon Kaen

Regia: Apichatpong Weerasethakul
Produzione: ZDF - ZWEITES DEUTSCHES FERNSEHEN
Data di uscita: 21/11/2015
Brand:
Pepsi-Cola

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |