Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
16 Febbraio 2012 - 18:14

Dy's Ring 1

 Print Mail
Vacanze di Natale a Cortina
Dy's Ring 1

Primo esperimento di film a confronto per Dy's News con i due film che in qualche modo hanno segnato le scorse vacanze di Natale: Vacanze di Natale a Cortina e Benvenuti al Nord.

VACANZE DI NATALE A CORTINA  (Neri Parenti, 2011)

 

TRAMA:

Roberto Covelli (Christian De Sica) è un noto avvocato romano playboy che decide di appendere le scarpe al chiodo e dedicarsi interamente alla bella moglie Elena (Sabrina Ferilli) e di passare le vacanze natalizie con lei nel loro chalet in montagna. Peccato che una volta arrivato a destinazione ha il dubbio che sia lei a tradirlo e comincia la caccia all'amante. Fanno da contorno alla vicenda la colf filippina, in un certo senso colpevole dei dubbi, un cane e due figlie.

Lando (Dario Bandiera) riesce attraverso una potente raccomandazione a farsi assumere come autista dell'amministratore delegato di una grande azienda energetica (Ivano Marescotti). Con lui deve risolvere il problema di riuscire a chiudere a buone condizioni un importante rapporto di fornitura di gas dalla Russia. Mandato in esplorazione a Cortina conosce Galina (Olga Calpajiu) ed ha la buona idea di farsela scoprendo solo successivamente che è la donna del magnate russo con cui devono stringere l'accordo.

Massimo (Ricky Memphis) e Brunella (Valeria Graci) sono in lotta con la sorella di lei Wanda (Katia Follesa) ed il rispettivo marito Andrea (Giuseppe Giacobazzi) e così li seguono per le vacanze a Cortina. Problema loro sono dei poveracci mentre la sorella ha appena vinto 250.000 ad Affari tuoi ed ha l'unico scopo di usarli per tirarsela con la coppia rivale. Finirà che i poveracci, per una serie di coincidenze, avranno una vacanza da favola, i nuovi ricchi da incubo.

 

COMMENTO: 

Chi ci segue sa che una delle condizioni per stare in questa redazione è essere cinefaghi e valutare tutto nello stesso modo. Sa anche che abbiamo sempre salvato i cinepanettoni dell'era Boldi-De Sica e poi solo De Sica del nuovo millennio con l'unica eccezione di Natale in India. Con l'arrivo della nuova decade avevamo però avvertito che il vento stava purtroppo cambiando e l'avevamo detto con Natale a Beverly Hills (capolavoro assoluto in confronto a questo) e con il totale disastro della sceneggiatura (e non solo) di Natale in Sud Africa. Pensavamo di aver toccato il fondo ma, purtroppo, non era così. E non è bastato in questo tentativo diciamo pure di reboot di richiamare alla sceneggiatura i fratelli Vanzina e far ricominciare da dove tutto aveva avuto inizio: Cortina, che aveva fatto da sfondo al primissimo Vacanze di Natale del 1983. Pensare che nel 1999 la medesima opezione fatta per Vacanze di Natale 2000 era riuscita a riportare in vita un filone che si era un po' perso fra A spassi nei tempi. S.P.Q.R., Anni '90 e Yuppies vari. In questo caso tutto sa di vecchio, troppo vecchio. Le situazioni in cui il film è suddiviso arrivano da decine di film e di teatri, le gag al loro interno viste e riviste, per non parlare delle battute "A quest'ora ero già a Cortina D'Ampezzo da un pezzo" la diceva già Gianrico Tedeschi nell'operetta Al cavallino bianco trasmessa dalla RAI nel 1974. E il fatto di aver infarcito il film di VIP accondiscendenti (da Simona Ventura ad Alfonso Signorini, da Renato Balestra a Giada e Patrizia De Blanc) non ha fatto altro che dilatare un brodo fin troppo allungato.

Abbiamo sempre sostenuto che bisogna salvare i cinepanettoni ma a questo punto bisogna dargli un profonda centrifugata. 

 

PRODUCT PLACEMENT:

Anche per quanto riguarda il product placement sui cinepanettoni dobbiamo sempre ripertrci sin dal famoso articolo sul Carosello placement apparso qualche anno fa su Dy's Chronicles. Le cose non sono certo migliorate a tal punto che dobbiamo promuovere i gioielli Bartorelli perchè c'è vicino addirittura Emanuele Filiberto di Savoia, l'Alfa Romeo 8C Competizione di De Sica e per il resto rimandiamo all'elenco completo su Dy's World. Battuta: Galina guardando il quadro in salotto "Hai un Kandinsky?" "No ho solo della Absolut." Ecco!.  I coniugi arricchiti che vogliono tirarsela a Cortina, dopo aver vinto i 250.000 euro comprano una Panda (anche in Benvenuti al Nord c'è il placement Panda n.d.r.). Interessante ma visto il personaggio ci credete? A meno che non sia stato avvisato di quello che stava per succedere e non abbia voluto dare nell'occhio più di tanto.  

 

LOCATION PLACEMENT

Cortina viene rappresentata come un angolo di Paradiso dove alloggiano i VIP e quindi il sogno di ogni spettatore è quello di andarci per poterli avere vicino al ristorante o a bere ad una festa. Perfetto. Ma cosa abbiamo visto veramente? Che i vip sono si avvicinabili ma fino ad un certo punto, che le feste sono blindate, i ristoranti carissimi "Un'acqua minerale 12 euro? Accettate anche i lingotti?" (Ricky Memphis) e oltre a strapagare l'hotel il concierge (interpretato Alessandro Fullin) comincia a raccontare i cazzi vostri a tutti (alla faccia della privacy) anche quello che non gli è stato chiesto. Se ci mettiamo un paio di altre pecche Cortina non faceva una promozione così sballata dai tempi del famoso sbaglio di montagna.

Comunque alla fine un target è stato raggiunto. Così come per Sanremo è arrivata la finanza che probabilmente aveva visto il film

JMN

Natale a Cortina

Regia: Neri Parenti
Produzione: Filmauro
Data di uscita: 25/12/2011

Attenzione: l'accesso ai link riservato agli abbonati Dy's World


www.dysnews.eu

Share |