Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
14 Agosto 2016 - 11:50

TUTTA COLPA DI UNA MERENDINA

 Print Mail
La notte del giudizio - Election Year (James DeMonaco, USA, 2016)
TUTTA COLPA DI UNA MERENDINA

Futuro prossimo. I nuovi padri fondatori degli Stati Uniti hanno creato la notte del giudizio (The Purge), dodici ore a marzo dove ogni crimine è concesso. Il tutto per far sfogare la rabbia dei cittadini ed avere poi 364 giorni di prosperità e senza crimine. In realtà scopriamo che il vero intento è quello di eliminare dalla società i ceti più deboli, i più violenti e anche, perchè no, gli avversati politici.

Se il primo Purge era circoscritto ad una sorta di Gate, un quartiere isolato di lusso dove si dava libero sfogo alle invidie fra vicini e il secondo, ampliato alla città, mostrava come il governo inviava delle squadre speciali a ripulire le strade nei quartieri periferici e come i potenti si divertivano con una sorta di Hostel collettivo, il terzo diventa ancora più politico.

Mentre da tutto il mondo arrivano persone per partecipare, la senatrice Charlie Roan, unica sopravvissuta della sua famiglia ad uno dei precedenti purge, sta per diventare il nuovo presidente degli Stati Uniti con un programma che cancellerebbe la notte definitivamente.

Proteta da Leo Barnes, una sorta di Jack Bauer che era già sopravvissuto al precedente episodio, è costretta a vedersela con il partito rivale che l'ha inserita come piatto forte del sacrificio della notte. Leo sarà costretto a combattere contro doppiogiochisti, nemici politici e semplici cacciatori. Vanno in loro aiuto Lane Rucker, una sorta di supereroina della notte e Joe Dixon il proprietario di un negozio (anche lui con un passato da duro) che deve difendere il suo negozio di alimentari a tutti i costi visto che l'assicurazione ha approfittato proprio di quella sera per comunicare l'annullamento della copertura assicurativa (altro elemento che dimostra ancora di più il messaggio politico del film) e lui ha avuto poco prima l'idea di bloccare due ragazzette di colore, che si trasformenranno di li a poco in due Gothic Lolita in/sanguinate/arie pronte ad ucciderlo e a distruggergli il negozio, per aver rubato una merendina.

Blow Pop, Daisys, Ice Chup, Fanta e, stranamente Pepsi sono alcune brand presenti nel negozio e nel rifugio dei ribelli al Purge. Il resto è affidato alle auto.    

JMN

The Purge: Election Year

Regia: James DeMonaco
Distribuzione: Universal Pictures
Data di uscita: 28/07/2016
Location: Washington D.C.

Attenzione: l'accesso ai link riservato agli abbonati Dy's World


www.dysnews.eu

Share |