Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
14 Marzo 2017 - 08:33

BERGAMO FILM MEETING 2017

 Print Mail
Taking Off (Milos Forman, USA, 1971)
BERGAMO FILM MEETING 2017

Quest’anno al Bergamo Film Meeting 2017 la retrospettiva mirata su un regista “storico”, che annualmente è uno dei maggiori interessi della rassegna, è dedicata a Milos Forman.

Il regista cecoslovacco nel 1969, in fuga dalla brusca conclusione della primavera di Praga, approdò in America dove era già conosciuto per i suoi lavori nella terra natìa (e presenti al festival).

Forman scopre che i temi portati avanti nei suoi primi film e che rispecchiavano la società ceca si possono tranquillamente proseguire anche nella culla del capitalismo, New York. La rassegnazione dei padri ad una condizione di normalità senza più sogni giovanili e senza più aspirazioni e la ribellione, probabilmente destinata a fallire ripiegandosi su se stessa, dei giovani alle regole della società si possono tranquillamente riproporre cambiando solamente alcuni particolari non sostanziali.

Taking off,  il suo primo lavoro americano del 1971 è costruito attorno ad un’audizione di aspiranti cantautori che fa da linea conduttrice di tutto il film (si alternano innumerevoli volti e voci di dilettanti e giovani attori tra cui troviamo una giovanissima Katy Bates). L’audizione a cui si presenta Jeannie Tyne rappresenta la prima “fuga” della figlia dei borghesissimi coniugi Tyne. La ragazza torna a casa dopo una rocambolesca ricerca da parte del padre e di un amico di lui (i due torneranno dalla “ricerca” completamente ubriachi) con in corpo gli effetti dell’ingestione di funghi allucinogeni. Ma non finisce qui perché la ragazza replica e sparisce nuovamente. A seguito di questo seconda sparizione i genitori entreranno in contatto con altre coppie che hanno lo stesso problema e con la loro associazione, quella dei genitori di figli fuggitivi. Il tentativo di capire i motivi della fuga dei loro ragazzi diventa, dopo una seduta in cui viene sperimentato lo spinello collettivo, per i Tyne e per un’altra coppia di genitori l’occasione per uscire, momentaneamente, dalle convenzioni e dalla normalità.

Il ritorno a casa di Jeannie, che trova il padre nudo che canta su di un tavolo davanti a moglie e amici a loro volta completamente ubriachi, permette di confrontare i propri desideri di ribellione con quelli un po’ ridicoli e molto melanconici dei “vecchi” che i loro li hanno sepolti da un bel po’ dentro loro stessi e che sono pronti ad uscire tutti in un colpo.

Il film di Forman è prezioso per precisione di tempi e per come riesce a miscelare perfettamente ironia, sarcasmo, inquietudine e analisi psicologica.

Le riviste TIME e LIFE inaugurano un product placement piuttosto atttivo tra cui troviamo NIKON, COCA COLA, la citazione di SONY vs. MITSUBISHI e MARTINI.

Stefano Barbacini

©www.dysnews.eu

Share |