Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
10 Gennaio 2018 - 19:10

TORINO FILM FESTIVAL 2017 – AFTER HOURS

 Print Mail
SEQUENCE BREAK (Graham Skipper, USA, 2017)
TORINO FILM FESTIVAL 2017 – AFTER HOURS

Per la sezione After Hours del Torino Film Festival abbiamo assistito ad un’altra grande performance da parte di un regista che verrà per sempre ricordato nei nostri cuori (e nelle nostre battute in altri festivals) grazie alle sue dichiarazioni durante la presentazione del film, cosa che lo ha fatto balzare al primo posto davanti allo svedese Axel Ohman di cui ha già parlato Barbacini

Il film, Sequence Break, è un omaggio al cinema horror degli anni ’80 stile Frank Henenlotter, per capirci.

La storia parla di un appassionato di videogiochi anni ’80 che li ripara in un negozio che ormai è sull’orlo di un fallimento. Un giorno il suo datore di lavoro gli comunica che da li a un mese il negozio verrà chiuso. La sera stessa verrà ucciso da un misterioso barbone che farà sparire il corpo.

Tornato al lavoro il giovane non si accorge di nulla (l'amico gli aveva detto che sarebbe andato dai parenti) e continua nella sua opera di riparazione cominciando da uno strano gioco che comincerà a condizionarlo come fosse una droga.

Intanto comincia una storia d’amore con una giovane ragazza, cosa che scatenerà “l’invidia” della macchina la quale comincerà ad essere sempre più pericolosa e lo porterà in altre dimensioni.

Film che ha come pregio quello di rigettarci di colpo negli anni ’80 sia come stile che come argomento. Peccato che anche il colpo di scena finale sia figlio di quell’epoca e quindi facilmente identificabile.

Poco anche il product placement con solo Donkey Kong e un paio di altri giochi dell'epoca.

Ma veniamo alla presentazione del film che è stato il vero capolavoro. Il buon Graham si è presentato in sala e dopo il classico “Ciao Italia” e i complimenti al festival e alla città di Torino, ha dichiarato di essersi ispirato al suo regista preferito Dario Argento di cui, passeggiando nel pomeriggio aveva notato alcune location (passeggiando non tanto, piazza CNR dove si svolge una delle pìù famose scene di Profondo rosso sta a un centinaio di metri dal cinema Reposi dove c’è stata la presentazione), e aveva mostrato orgoglioso la maglietta di Suspiria, suo film preferito e fonte di ispirazione per il film.

Perfetto, peccato che nel film ci stava il Croenemberg di Videodrome, il già citato Henenlotter, la saga di Nightmare, Lynch, volendo anche Tsukamoto ma non Argento. Chissà in quale sperduto cinedma di Los Angeles il povero Skipper ha visto Suspiria e in che versione.

Questo fino ad ora ma mentre sto scrivendo sto guardando il Cinematografo di Marzullo dove il regista di Dickens l’uomo che inventò il Natale, Bharat Malluri (altro film visto al Torino Film Festival e che recensiremo a breve) sta raccontando che per il suo film si è ispirato a Ladri di biciclette. ‘Namo bene.   

GERARDO CORTI

Sequence Break

Regia: Graham Skipper
Data di uscita: 27/11/2017
Brand:
Donkey Kong

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |