Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
8 Aprile 2021 - 16:26

IL "BANQUET" ALLA FINLANDESE...

 Print Mail
Bloody hell (Alister Grierson, Australia, 2020)
IL "BANQUET" ALLA FINLANDESE...

Abbiamo un’introduzione che inizia in Finlandia in cui una ragazzina sembra scappare dalla sua famiglia rischiando addirittura di affogare, e ci aspettiamo un mistery horror, e mettiamo da parte l’informazione perché poi passiamo subito in Ohio dove un reduce dell’esercito si trova coinvolto in una rapina in cui reagisce e uccide i malviventi. Siamo finiti in un action-movie? Mettiamo da parte anche questa e aspettiamo perché ci troviamo in un processo in cui il nostro viene prima condannato (processual movie?) e poi, scontata la pena, lo vediamo assediato dalla stampa e dai fan pro o contro: eroe o assassino? (dove siamo finiti in mezzo ad una roba tipo Richard Jewell?).

In un’introduzione di una manciata di minuti il film ha virato su vari generi e su vari sentieri per poi andare a finire in Finlandia da cui siamo partiti e lì al protagonista male ne incoglie: scoprirà che alcuni finlandesi gli americani… se li mangiano (Texas Chainsaw Massacre?).

Non racconterò altro per non rovinare il gusto all’eventuale spettatore interessato a recuperare questo Bloody hell (ora si trova sul sito del BIFFF 2021) sappiate solo che il tutto si raggrupperà in una black comedy con horror e azione (con una specie di mostro che ve lo raccomando), pervaso di quella sana follia tutta australiana…

In farmacia il farmaco Blue Jay è product placement mentre della rivista Celebstar (su cui il protagonista appare in copertina) e del Pancake Diner dove divora un hamburger non ho notizie (fake?). Sicuramente le ho di Youtube e ABC citati nel film e delle due auto che vediamo utilizzate, una Mercedes e una BMW.

Stefano barbacini

www.dysnews.eu

Share |