Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
7 Settembre 2017 - 16:51

SPECIALE HITCHCOCK (10)

 Print Mail
La donna che visse due volte (Alfred Hitchcock, USA, 1958)
SPECIALE HITCHCOCK (10)
Scottie (James Stewart) è un poliziotto che, dopo non essere riuscito a salvare la vita ad un collega, a causa delle vertigini, durante un inseguimento di notte sui tetti di San Francisco, decide di ritirarsi e di passare le sue giornate in compagnia della sua amica pittrice Midge (Barbara Bel Geddes, prima di diventare la signora Ewing) che è follemente inamorata di lui.
Un giorno un suo vecchio amico gli chiede di pedinare la moglie Madeleine (Kim Novak) che soffre di disturbi mentali e crede di essere l'incarnazione di una certa Carlotta, una donna cresciuta ai tempi delle missioni francescane presso quella di San Juan Batista.
Scottie comincia a seguirla scoprendo che ogni giorno lei si reca a far visita al suo presunto ritratto presso il museo e rimane ad osservarlo a lungo.
La storia ha una svolta nel momento in cui lei tenta il suicidio buttandosi nelle acque sotto il Golden Gate e lui, dopo averla salvata se ne innamora.
Dopo un po' di classico corteggiamento lui la porta finalmente alla missione di San Juan Batista dove riesce a baciarla prima che lei decida di suicidarsi buttandosi dal campanile della chiesa.
Dopo un anno di completa paranoia lui trova per strada una donna che assomiglia incredibilmente a Madeleine e inizia a frequentarla cercando di trasformarla nella sua amata.
Quello che oggi verrebe definito un film su uno stalker, è in realtà uno dei capolavori del maestro del brivido forse fra i più copiati e citati, dopo Psycho, ovviamente.
Vari remake più o meno dichiarati dalla Cina all'India e vari film che si sono ispirati o che hanno omaggiato come le carrellate nel museo di Vestito per uccidere o il mix con l'altro capolavoro, La finestra sul cortile, per Omicidio a luci rosse.
Presenti tutte le manie e i marchi di fabbrica del regista partendo dall'uso del colore verde predominante, all'uso della macchina da presa, anche se a noi interessano la corsa fantasma dietro la JAGUAR  ovviamente verde (product placement) della Novak e le inquadrature dei dettagli fra i quali, fondamentali, sono quelli sul mazzo di fiori di Carlotta. Che c'entra con noi? Teoricamente niente se non che, fra le pochissime marche presenti, compare per ben due volte INTERFLORA. Bello quasi come i ristoranti, isn't it?     
Penny O.C.

Vertigo

Regia: Alfred Hitchcock
Produzione: Universal Pictures
Distribuzione: Universal Pictures
Data di uscita: 08/12/1958
Brand:
Jaguar

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |