Facebook Twitter Canale Youtube RSS
TELEVISIONE
22 Ottobre 2017 - 18:21

DYS SUPERHEROES

 Print Mail
Arrow (Stagione 01, USA, 2012)
DYS SUPERHEROES

Oliver Queen è un supermiliardario creduto morto durante un naufragio. Un giorno una barca di pescatori passando nei pressi dell’isola vede un suo segnale e lo salva.

Ritornato a casa tutti pensano che sia rimasto il debosciato playboy di sempre invece si inizierà a scoprire a furia di flashback accuratamente dosati durante le stagioni che i 5 anni da Robinson Crousue non sono stati così “tranquilli” come tutti pensano ma è stato trasformato attraverso addestramenti che ricordano quelli di Black Mamba o  Bruce Wayne trasformandolo in un’arma pericolosissima per i criminali che popolano Starling City.

Intanto, suo padre morto suicida per permettergli di sopravvivere sulla zattera dopo l’affondamento dello yatch (scopriremo che era stato sabotato, ma non è uno spoiler visto che è chiaro fin da subito), senza sapere che sarebbe diventato un supereroe, gli affida un’agendina con i nomi dei cattivi di cui era complice, chiedendo di risolvere i problemi e di pulire la “sua” città. Non sa che anche la moglie era della partita (altro non spoiler almeno fino alla quarta o quinta puntata)

Quindi Oliver (diventato Freccia Verde) decide di confermare la sua fama (un po’ appunto come Bruce Wayne) e di aprire un locale di tendenza sotto il quale tenere la sua tana. Deve però fare i conti con una guardia del corpo, la sua ex fidanzata che lo odia in quanto aveva portato sullo yatch la sorella con cui la tradiva lasciandola morire in mare, il padre della fidanzata che guarda caso lavora nella polizia e il suo miglior amico figlio del suo peggior nemico.

Tanto il placement per questo primo revival televisivi dei personaggi DC in contrasto con i, fino ad ora migliori personaggi Marvel, fra cui si distinguono auto e alcolici anche se lo sponsor principale è Microsoft con i super computer comandati dalla super hacker alleata Felicity Smoack (Emily Bett Richards)    

Max Renn II

©www.dysnews.eu

Share |