Facebook Twitter Canale Youtube RSS
TELEVISIONE
6 Febbraio 2020 - 10:12

BRAND DA ALTRE DIMENSIONI

 Print Mail
TWIN Peaks (Season 03, USA, 2016)
BRAND DA ALTRE DIMENSIONI

Finale Twin Peaks seconda stagione. Laura Palmer nella dimensione parallela dice all'agente Dale Cooper che si sarebbero visti di nuovo lì dopo 25 anni. Bene, esattamente 25 anni dopo David Lynch e Mark Frost rimettono insieme la squadra e fanno finalmente la terza stagione Twin Peaks. Nel cast ci sono incredibilmente quasi tutti: i protagonisti principali (Laura Palmer, l'agente Cooper, la famiglia Horne, gli agenti Albert Rosenfeld e Gordon Cole, il dottor Jacobi) e molti comprimari che sono sopravvissuti come l'agente Denise, diventata capo dell'F.B.I., l'agente nativo americano Tommy Hawk Hill, la cameriera Shelley con figlia mega problematica avuta da Bobby Briggs ex balordo ora agente di polizia,  l'uomo senza un braccio e il gigante che è diventato l'uomo del fuoco. 

Mancano all'appello quelli che non ce l'hanno fatta o non sono voluti tornare perché ritirati dalle scene come lo sceriffo Harry Truman ma si fa finalmente vedere la mitica Diane interpretata da un'altra vecchia conoscenza di Lynch: Laura Dern. 

L'agente Cooper è a caccia del suo doppio e per farlo prende a prestito il corpo di un certo Dughy che casualmente è il cognato di Diane. Il suo doppio cerca di non farsi ricatturare né dalla zona né dai nemici sulla terra né dall'FBI. Diane sa qualcosa e nasconde qualcosa. Poi i vari personaggi oscuri che sembrano essere usciti dagli altri film del regista (a parte ovviamente Elephant Man, Dune e Una storia vera.) ma per spiegare tutte le singole eccentriche o inquietanti trame parallele che convergono a Twin Peaks ci vorrebbe un saggio di 1000 pagine.

Veniamo quindi al nostro core business e ad una sola parte: quella del product placement del tabacco che non può esserci ma nello sviluppo della trama è fondamentale e in alcuni casi può rientrare nella mente perversa di Lynch. 

Prendiamo 3 casi. Un'anziana un po' strana entra in un emporio, fa incetta di bottiglie di vodka (Smirnoff anche se girate), discute sulla carne di tacchino, compra una stecca di sigarette e sembra impazzire. Poco dopo al pub si rivelerà una sorta di strega. Che sigarette erano? Le Salem, of course. Al Road House non si può fumare. Uno dei balordi lo fa e al buttafuori passa un pacchetto di sigarette Morl (ma in realtà sono Marlboro) coi soldi. Diane fuma e beve in quantità industriale e la sua risposta, nel caso è: "Fanculo NAME". Nella scena cruciale che non spieghiamo ha in borsa le National American Spirit che come si sa, a parte il nome, hanno un capo tribù sul pacchetto, e i nativi americani in Twin Peaks sono sempre stati importanti. 

La scena finale, come da tradizione, è la più geniale di tutte. Sembra che Lynch abbia già pensato ad un possibile seguito. Speriamo bene. 

Gerardo Corti

Twin Peaks

Regia: David Lynch
Produzione: Showtime
Data di uscita: 19/05/2017
Brand:
Chevrolet

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |