Facebook Twitter Canale Youtube RSS
EVENTI
24 Novembre 2012 - 01:10

TFF 30

 Print Mail
Inizia la trentesima edizione del Torino Film Festival
TFF 30

 

TORINO FILM FESTIVAL 2012 (TFF30)

E’ appena finita la festa di Roma iperpubblicizzata e seguita da stampa e tv e già comincia un’altra rassegna altrettanto importante ed anch’essa in lizza per il posto d’onore dietro a Venezia in un’ipotetica gara tra festival di cinema.

Stiamo parlando del TFF, Torino Film Festival di cui è indiscutibile la maggiore anzianità rispetto al “rivale” della capitale, festeggia infatti la sua 30^ edizione.

Ci aspetta la solita orgia di film distribuiti su ben 11 sale con più proiezioni dello stesso titolo in modo che chiunque possa farsi un suo percorso personale.

Ognuno può trovare ciò che più gli interessa in una proposta varia e abbondante che offre di tutto, commedie, horror, film d’autore, personali cinefile (quest’anno Losey)….

Cominciamo un tour de force che prevede 6 o 7 visioni al giorno.

Abbiamo scelto per cominciare THE LIABILITY una commedia nera diretta dall’inglese Craig Viveros.

Il protagonista è il giovane Adam, diciannovenne voglioso di fare qualcosa di “cazzuto” per stemperare l’odio che ha per lui il nuovo compagno della madre, un violento trafficante di giovani pulzelle dell’est. Costui, Peter, lo affianca ad un killer a pagamento per andare ad uccidere un lituano e per “imparare” il mestiere. Tra arti mozzati, femme fatale, ironia nerissima e grottesco si sviluppa una trama à la Coen divertente nobilitata dalla presenza di due grandi della recitazione inglese, Tim Roth che interpreta il killer implacabile ma con un preciso codice morale (“non uccido donne dal 1983”) e Peter Mullan nel ruolo del cattivissimo Peter, “l’uomo che si scopa tua madre”.

Il regista è chiaramente un cinefilo ed infarcisce il film di citazioni (La morte corre sul fiume) e rimandi ai noir anni ’40 piuttosto che a Coen e Tarantino, di ossessioni cinematografiche (la donna con la pistola) e pittoriche (Hopper) inserite in un paesaggio invece assolutamente inglese.

Anche il gergo è assolutamente da bassofondo anglosassone nei dialoghi tra il giovane divoratore di f…ing TWIX e il nuovo maestro a bordo di una f…ing FORD con un f…ing I-PHONE che ha un importante ruolo nella ricerca della f…ing lituana Carly e della sua f…ing RANGER THUNDER.

Un f…ing Product Placement!

Stefano Barbacini

©www.dysnews.eu

Share |