Facebook Twitter Canale Youtube RSS
EVENTI
2 Settembre 2010 - 02:44

Venezia PP Squad 2010

 Print Mail
Giorno 1
Venezia PP Squad 2010 Nel marasma del Lido e del Festival del cinema di Venezia vissuti 24/24 fino ad arrivare a non distinguere pi il giorno dalla notte, manco si fosse a Las Vegas, cominciamo da quest anno a recensire le giornate a blocchi lasciando spazio, per i film particolarmente degni della nostra attenzione, a recensioni approfondite una volta finita la nostra missione. Bigino del primo giorno, quindi, che ha visto una serie di uomini "distrutti" anche grazie a prodotti e marche. Ma partiamo dai film praticamente unbranded ma legati a profondi significati comunicativi come il corto The Accordion di Jafar Panahi che, dopo i casini per Cannes, stato doverosamente accolto in laguna. Fuori concorso stato poi proiettato in anteprima Jinqwu fengyun - Chen Zhen, l'ultima fatica di Andrew Lau, che dimostra ancora una volta la vicinanza (con tanto di scambi di visite) fra questa gestione del festival di Venezia e il Far East Festival di Udine. Anche in questo caso la storia non si presta moltissimo al product placement e la cosa che ci piaciuta il locale Casablanca che, oltre alla citazione, ricorda come sagoma vagamente il Rex di Parigi. La vida de los peces un film cileno molto interessante che per lascia pochissimo spazio, all'interno di un appartamento, nella rievocazione dei loro eventi, al product placement. Cassavetes, Warhol, o Tartarughe sul dorso? Lasciamo giudicare a voi. Ci salvano la giornata, per quanto riguarda i prodotti, Le bruit des glacons di Bertrand Blier, dove un uomo riceve la visita del suo cancro in forma umana, e The happy poet. Per quanto riguarda Le bruit des glacon, la commedia a tratti si spegne, ma la cosa interessante da notare il continuo uso di vino e champagne da parte dei due, e quando il protagonista apre il frigo scopriamo che ne pieno. Un altro ossessionato dai prodotti il protagonista di The Happy poet che vorrebbe vendere hamburger biologici e si trova al supermercato fra decine di marche che non lo sono, mentre gli amici lo sconsigliano a favore degli hamburger normali. Ma nel corso della giornata c' stato anche l'omaggio a Gassman e per l'occasione stato riproiettato Profumo di donna, capolavoro di Dino Risi remakato anche in America con Al Pacino. Questo si che era un bel film carico di product placement. Abbiamo scelto quella della foto in onore a Moretti (Ecce Bombo) e in parziale difesa a Manfredi. JMN

www.dysnews.eu

Share |