Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
24 Ottobre 2021 - 15:06

SPECIALE LUFF LAUSANNE UNDERGROUND MUSIC & FILM FESTIVAL

 Print Mail
Papa Srapa (Konstantin Ivanov, Nikita Kabardin, Russia, 2020)
SPECIALE LUFF LAUSANNE UNDERGROUND MUSIC & FILM FESTIVAL

Eduard Srapionov è un guru della musica noise elettronica russa e si sa quanto al Losanna Underground Film Festival questo genere musicale vada per la maggiore (il 90% dei concerti collaterali alla rassegna cinematografica appartengono a questo genere…) e quindi non ci stupisce che all’edizione di quest’anno venga presentato il documentario che porta come titolo il nomignolo Papa Srapa (con il quale è universalmente conosciuto) per presentare una specie di biografia del fenomeno musicale che rappresenta il personaggio.

Autodidatta e sperimentatore (si costruisce da solo i sintetizzatori con cui gestisce i rumori che poi diventano musica performativa assemblando valvole ed elementi trovati in mercatini o addirittura in magazzini militari dismessi…), arricchisce il suono con materiali organici come saliva, sperma e vodka e piano piano diventa negli anni un vero e proprio sciamano mistico della musica. Afferma di avere canali aperti convoglianti energia nel proprio cervello che deve placare suonando e bevendo ettolitri di vodka.

Diventato riferimento per artisti underground e giovani adepti tiene spettacoli in cui crea energie scatenandosi con i suoi sintetizzatori in uno stato di trance e ubriachezza mentre sul palco s’aggirano nudi cantanti e ballerine in un clima orgiastico.

Il documentario in realtà è piuttosto superficiale mostrandoci la personalità di Papa Srapa con suoi interventi e interviste non molto interessanti a suoi produttori e collaboratori. Si è preferito costruire l’immagine dell’artista solo in maniera impressionista giocando sugli estremi mostrati a spot che non ad approfondire una figura decisamente interessante della subcultura russa. Da ascoltare la divertente barzelletta finale raccontata da un divertito Papa Srapa…

Marche di vodka russa, e un’apparizione di due pubblicità (Castrol e Ballantines) su di un palco potrebbero essere product placement del film.

Stefano barbacini

©www.dysnews.eu

Share |