Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
24 Marzo 2019 - 19:23

IL PIU SBRACATO DE TUTTI

 Print Mail
Quelle strane occasioni (Luigi Comencini, Luigi Magni, Nanny Loy, I, 1976)
IL PIU SBRACATO DE TUTTI

Un venditore di castagnaccio ad Amsterdam (Paolo Villaggio) scopre che può uscire dalla sua vita da barbone grazie ad un uccello da cavallo che lo porta ad essere la star, come italian Superman, di un teatrino hard dove deve soddisfare la sua partner in un enorme piatto di spaghetti. Dopo i primi successi le cose prenderanno una piega inattesa.

Un architetto romano (Nino Manfredi) viene lasciato a casa da solo ad aspettare la figlia di un amico svedese che non vede da anni e si trova di fronte una cavallona bionda (Jinny Steffan) che aveva organizzato tutto per togliersi lo sfizio di trombarselo che aveva da bambina.

Un monsignore (Alberto Sordi) si trova chiuso all'interno di un ascensore rotto, nel giorno di ferragosto, con una ragazza disinibita (Stefania Sandrelli), Finiranno per fare l'amore, ma c'è anche una sorpresa finale.

Fatto nel periodo in cui andavano di moda i film a più episodi (Dove vai in vacanza? Di che segno sei?) con i comici di punta e le starlette del momento, quelle strane occasioni è forse uno dei più dichiaratamente sexy con le nudissime Ulla Johannsen per l'episodio di Villaggio e Jinny Steffan per quello di Manfredi, mentre rimane completamente vestita la Sandrelli.

Non fra i migliori con l'episodio di Villaggio che si salva per l'idea, finto moraleggiante è l'episodio di Manfredi, mentre bruttarello quello di Sordi.

Caso a parte il product placement con il numero maggiore di marche nell'episodio di Manfredi con la sempre presente S.Pellegrino e per ben 2 volte le Marlboro in bella mostra (Nanni Moretti docet)

Gerardo Corti

Quelle strane occasioni

Regia: Luigi Magni
Data di uscita: 01/01/1976

Attenzione: l'accesso ai link è riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |