Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
21 Maggio 2020 - 22:04

DIARIO VISIVO (Frank Agrama)

 Print Mail
L'amico del padrino (Frank Agrama, Italia-Turchia, 1972)
DIARIO VISIVO (Frank Agrama)

Frank Agrama negli ultimi anni è forse più conosciuto per essere stato in qualche modo coinvolto in alcune vicende giudiziarie di Berlusconi (assolto comunque dalle accuse ma di questo se volete leggetevi su internet i fatti in questa sede non interessano) che non per la sua attività di cineasta e produttore.

Intanto bisogna dire che sia il Dizionario del cinema italiano (I registi) (1993 Gremese Editore) che sia lo Stracult di Giusti considerano solo la sua carriera italiana (per il Giusti addirittura L'amico del padrino è il suo esordio...) senza nessun accenno alla precedente produzione registica in terra d'Egitto dove Farouk Mohamed Agrama è nato (anche se Wikipedia e IMDB indicano due città diverse) ha diretto una decina di film (secondo IMDB) tra cui l'action "desertico" Storm over Petra che ci piacerebbe assai recuperare.

Comunque al di là della difficoltà di inquadrare il personaggio (tra l'altro dopo il 1981 nel cinema risulta attivo solo come produttore con la sua casa Harmony Gold) abbiamo recuperato e qui ne vogliamo parlare i suoi tre film "esteri".

Il primo è L'amico del padrino, produzione italo-turca con tre protagonisti della stagione del cinema di genere italiano anni ’70 (Richard Harrison, Erika Blanc e Krista Nell). Harrison è Murdock, killer della mafia con un passato tragico (genitori sterminati da antagonisti mafiosi che prima violentano la mamma) che si sente “già morto, morto molto tempo fa”. L’arma che utilizza per uccidere i nemici del “padrino”, per cui lavora, è singolare (un falso accendino che esala una sostanza che in pochi secondi soffoca chi lo apre…) e tra un omicidio e l’altro si divide tra due donne e incontra un vecchio amico (il barbuto Ian Flynn) che si scopre essere il suo alter ego lavorando per il capomafia rivale del padrino (è colui che ha sterminato la sua famiglia). Finale in qualche modo sorprendente.

Il film parte come noir poi diventa di passo in passo mafia-movie, buddy movie, dramma erotico-romantico, revenge movie, action. Agrama ci mette una certa passione per il genere ma un po’ per il montaggio “ruvido” (flashback, immagini di archivio, confusione…), un po’ per la scarsa gestione della consecutio, un po’ per la non certo magistrale recitazione dei comprimari turchi, un materiale che potrebbe appartenere a un Di Leo è diretto con il piglio confusionario di un Polselli qualunque…

Comunque si guarda con divertimento vintage e ci si delizia quando la divina Erika Blanc mostra i suoi glutei possenti e la “rivale” Krista Nell i puntuti e freschi seni. Il tutto annaffiato dalla colonna sonora di un Fred Bongusto particolarmente romantico.

Punt & Mes (product placement habitué del cinema di genere…) e Turkpetrol le marche presenti.

Stefano barbacini

L amico del padrino

Regia: Frank Agrama
Data di uscita: 01/01/1972
Brand:
Punt&Mes

Attenzione: l'accesso ai link è riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |