Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
15 Giugno 2020 - 14:14

DIARIO VISIVO (Judd Apatow)

 Print Mail
Molto incinta (Judd Apatow, USA, 2007)
DIARIO VISIVO (Judd Apatow)

Molto incinta arriva un paio di anni dopo l’esordio di Apatow che nel frattempo scrive e produce altre commedie ad un ritmo sostenuto. Rispetto al precedente e ad altre opere che hanno il suo marchio questo film è meno demenziale e rispetta i canoni della commedia sentimentale (il cazzone Ben incontra in discoteca Alison, promettente presentatrice televisiva, lui fatto, lei ubriaca e passano insieme la notte per poi dirsi bye bye dato che due più diversi non possono esserci, ma non fanno i conti con i dispetti della natura e lei resta incinta; naturalmente la cosa causa imbarazzo e problemi, i due però si avvicinano poi litigano e alla fine si sposano…) ma non è meno brillante nei dialoghi e nelle situazioni nonché sboccato e irriverente come sempre (ad esempio la droga non è affatto demonizzata e il sesso sempre un’ossessione). Meno tette e meno situazioni paradossali ma comunque schietto e gustoso.

Ancora una volta i veri protagonisti del film sono il gruppo di amici di Ben, drogati e mai usciti dall’adolescenza, senza un impiego (basano il loro futuro finanziario sul lancio di un sito internet su cui “lavorano” che consiste nel guardare film alla televisione e nel catalogare le scene di nudo delle attrici segnando il titolo del film e il minuto in cui ciò avviene accorgendosi solo in seguito dell’esistenza del sito Mr. Skin, product placement evidente, che già da tempo lo fa…) e senza prospettive. Perdigiorno che non vogliono prendersi responsabilità, “accusa” che non risparmia neppure il marito di Debbie, sorella di Alison che con loro convive, padre e marito assente, sospettato di essere fedifrago ma che si scoprirà che le bugie con cui si intrattiene fuori di casa riguardano le sue passioni, il fantabaseball e il cinema e non altre donne! I maschi illustrati da Apatow sono tutti bambinoni in contrasto con le loro donne esigenti e castranti.

A rendere ulteriormente divertente il tutto arrivano anche le innumerevoli citazioni di altri film e di show televisivi con cui i ragazzi teledipendenti commentano le vicende della loro vita.

Apatow riesce miracolosamente a conciliare scurrilità e rozzezza su una trama da commedia per “famiglie”.

Non solo Mr.Skin tra le brand: Alison guida una Volkswagen, Google è citatissimo anche con il verbo googlare, computer utilizzati Apple e la Red Bull citata come “ricostituente” (ho bevuto tre Red bull e sono rinata).

Stefano barbacini

Knocked Up

Regia: Judd Apatov
Produzione: Universal Pictures
Data di uscita: 01/01/2007
Cast:
Seth Rogen
Brand:
Google

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |