Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
14 Settembre 2017 - 18:13

SPECIALE HITCHCOCK (12)

 Print Mail
Il signore e la signora Smith (Alfred Hitchcock, USA, 1941)
SPECIALE HITCHCOCK (12)

I coniugi Smith (Carole Lombard e Robert Montgomery) vivono a New York, sono ricchi e sono felicimente sposati. 

Un giorno, proprio poco dopo che i due avevano fantasticato su come sarebbe stata la loro vita da single, nell'ufficio di Smith compare un vecchio dipendente comunale del loro paese d'origine, Mr. Custer, che comunica che per un disguido di confini i due non sono sono ufficialmente sposati e quindi il matrimonio andrebbe rifatto con quei cinque dollari che era venuto a restituirgli.

Smith rassicura dicendo che si metterà subito in regola ma il signor Custer, cogliendo l'occasione di salutare anche la vecchia amica, passa anche nel loro appartamento. 

Così mentre lui organizza una cenetta intima nel ristorante dove avevano fatto il loro primo appuntamento, che in realtà è diventata una bettola di quart'ordine nella quale anche i gatti del quartiere mantengono delle perplessità ad assaggiare il cibo (la scena della trattoria è la più divertente del film), con l'aspettiva di fare sesso con una donna non sposata, lei si aspetta una replica della sua richiesta di matrimonio.     

La cosa non avviene ed è così l'inizio di una bella crisi matrimoniale.

Una delle poche commedia di Hitchcock, che in pieno codice Hays era abbastanza allusiva, Mr & Mrs Smith è comunque un classico ben architettato per essere una piece teatrale che contiene oltre a varie gag riprese poi un'infinità di volte dal cinema comico anche un'innovazione facendo dire a Mr. Smith una battuta direttamente al pubblico rompendo la quarta parete.

Poco il product placement placement, visto che in questo caso il ristorante non era sfruttabile, fato dei soliti Martini, Camel e Chanel    

Gerardo Corti

Mr. e Mrs. Smith

Regia: Alfred Hitchcock
Data di uscita: 31/01/1941
Location: New York
Brand:
Camel
Martini

Attenzione: l'accesso ai link è riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |