Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
11 Febbraio 2018 - 00:21

HORRORDY'S

 Print Mail
The graves (Brian Pulido, USA, 2009)
HORRORDY'S

Nell'arida e polverosa Arizona, nei pressi di un paese di poche anime, tra auto abbandonate pronte per lo sfasciacarrozze e case che sono poco più che baracche, un redneck uccide a colpi di martello e senza un apparente motivo un'intera famigliola (madre, padre e neonato).

Inizia così The Graves nel più classico incipit da torture porn. Ma The Graves è un horror che mischia varie sottocategorie del genere di cui il torture porn è solo una. Vi è la famiglia di pazzi serial killer (l'energumeno dell'inizio ha anche un fratello che si diletta pure in omicidi indossando un naso di gomma da maiale e una "Ma" dagli schifosi denti gialli che in efferatezze non si tira indietro), uno spirito succhia-anime, un prete completamente fuori di testa (l'imponente caratterista nero Tony Todd tutto da gustare) e un intero paese integralista e violento (pare a causa di una "puzza" malefica che dà alla testa) gemello di quello di 2000 maniacs di H.G.Lewis.

Ma le Graves sono anche le sorelle Megan e Abby (quello è il loro cognome), le involontarie "cacciatrici di mostri" che, appassionate di comics, sono attirate da un'antica miniera in disuso dove tutto questo ambaradan di efferatezze ha luogo. Le eroine irriducibili (due notevoli... ragazzone americane dalle zinne ballonzolanti, già viste in altri horror ben più nude) rischiano di essere vivizionate e risucchiate ma combattono intrepide proprio come le protagoniste di un fumetto pulp di cui il regista, Brian Pulido, è esperto.

Il nostro è l'inventore di Lady Death (principale product placement autoreferenziale del film), fumetto edito dalla Mischief Makers (tra i produttori anche del film) non certo di raffinata fattura ma pieno di succose pin-up, ironia e sangue, sua principale occupazione. Qui si diverte ad inventarsi regista (e ci diverte se non ci aspettiamo un capolavoro del genere) a scimiottare Rob Zombie e Tobe Hooper senza averne le qualità ma possedendo invece una notevole faccia tosta e, perchè no, una buona capacità di ricreare un mondo ormai classico per un horror movie.

Come detto le brand e il location placement riguardano esclusivamente i fumetti che ad inizio film ritroviamo sugli scaffali dello specializzato ATOMIC COMICS STORE poi possiamo registrare solo la VOLKSWAGEN, auto delle due protagoniste.

STEFANO BARBACINI

The Graves

Regia: Brian Pulido
Data di uscita: 01/01/2009

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |