Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
10 Luglio 2013 - 12:21

SPECIALE NIFFF 2013

 Print Mail
AU NOM DU FILS (Vincent Lannoo, Belgio 2012)
SPECIALE NIFFF 2013

Nella sezione Ultra Movies del NIFFF – Neuchatel International Fantastic Film Festival è stato presentato Au nom du fils, un film che molto probabilmente non arriverà mai in Italia.

Il film parte in maniera geniale con un filmato pubblicitario su un canale simile a Youtube dove si chiede ai fedeli cristiani di poter lavorare gratuitamente, ospitare gratuitamente e dare soldi per la sopravvivenza di 143 nuovi preti e per la sopraffivenza del cattolicesimo. Elisabeth, una madre superbigotta accetta di buon grado di ospitare un prete nella propria casa e di lavorare per Radio Espoir Chretiens come speaker e moderatrice per le domande degli ascoltatori. Nonostante l’assurdità delle domande e l’assurdità delle risposte date da ogni genere di prete strampalato, quando non inventando di sana pianta lei stessa, continua imperterrita la sua missione sicura di trovare la forza in Dio.

Un giorno suo marito rimane ucciso, sembra involontariamente per colpa del figlio, durante una battuta di caccia, ma la sua fede e missione continua. Poi la figlia telefona alla radio confessando quello che non può confessare alla madre e il figlio si uccide sia per aver confessato una colpa inesistente sia per aver fatto sesso con il prete ospitato in casa, ma la sua fede e missione continua. Quando però scopre che in realtà il marito faceva parte insieme al figlio di un’organizzazione paramilitare cristiana, su modello di Al’qaeda, per la distruzione dell’islam comandata da un tale padre Manuel (la versione scema del colonnello Kurtz di Apocalipse Now) lo va a trovare e si fa consegnare una pistola.

Dopo aver chiesto udienza al vescovo e non aver ottenuto nessuna consolazione gli sfracella letteralmente la testa con un bastone rubando la lista dei preti corrotti-pedofili e quant’altro e comincia la sua vendetta a metà fra Dexter e la sposa di Kill Bill.

Au nom du fils come dicevo è un film geniale che probabilmente non vedrà mai la luce in Italia ma è assolutamente da recuperare.

Fra i product placement la Mercedes station wagon della missione della sposa/madre, Atme.com cartello incontrato e Samsung cellulare, ma il più bello è sicuramente Scarabeo con il monsignore che invece di scrivere PHALLUS si trattiene all’ultimo momento scrivendo HALLO. Geniale.

JMN

Au nom du fils

Regia: Vincent Lanoo
Data di uscita: 06/06/2012
Location: Parigi
Brand:
Mercedes

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |