Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
10 Aprile 2019 - 21:50

SPECIALE RICCARDO FREDA

 Print Mail
Caccia all'uomo (Riccardo Freda, I, 1961)
SPECIALE RICCARDO FREDA

Dopo aver aperto la strada a vari generi , Riccardo Freda, costruisce una sorta di proto poliziottesco dando pure spazio ad un antenato del Commissario Rex.

in pratica nella capitale un cane lupo di nome Docs è diventato famoso risolvendo casi di persone scomparse e tentativi di suicidi.

Per questo quando quando in un paesino del sud il bandito Mazzarò rapisce una bambina, il cane, insieme al vice brigadiere Giovanni Maimonti, viene spedito a salvarla.

Trovata la bambina ed ucciso il bandito, i due tornano a Roma e qui comincia il vero caso: quello di un traffico internazionale di eroina in cui sono coinvolti potenti illustri e modelle.

Le caratteristicahe del poliziottesco ci sono tutte, o quasi: omicidi, corruzione, inseguimenti.

A questo si aggiunge anche la storia d'amore del protagonista "sponsorizzata" da Docs e da Cinzano che compare ovunque ci sia anche la ragazza amata.

Product placement che anticipa quello del genere che arriverà 15 anni dopo.

Ma il top lo abbiamo con il commissario Nardelli (Riccardo Garrone) che allo spacciatore offre le Chersterfield che sono del monopolio e non fanno male. Non male!

Gerardo Corti

Caccia all uomo

Regia: Riccardo Freda
Data di uscita: 01/01/1961
Brand:
Alitalia

Attenzione: l'accesso ai link riservato agli abbonati Dy's World


www.dysnews.eu

Share |