Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
6 Settembre 2020 - 10:08

ALLA RICERCA DI DEMETRIUS E DEL PASSATO

 Print Mail
Residue (Merawi Gerima, USA, 2020)
ALLA RICERCA DI DEMETRIUS E DEL PASSATO

Girato con stile documentaristico, macchina a mano per il presente, immagini sgranate per il passato, Merawi Gerima racconta il ritorno di Jay nel quartiere di Washington dove è cresciuto. Lui, giovane filmaker "fuggito" a Los Angeles per fuggire da droga e violenza, ricerca il proprio passato tra i vecchi amici ma l'accoglienza non è quella che si aspettava.

Chiede del suo migliore amico Demetrius ma la gente è ostile a rispondergli perchè lì da quelle parte domande non se ne fanno: cosa sei un poliziotto? I ricordi si accavallano con la freddezza degli amici cresciuti e diventati spacciatori, carcerati o... defunti. Il rimprovero è quello che viene fatto ad un soldato che ha abbandonato il campo di battaglia. Tu e il tuo cazzo di film cosa credete di dimostrare? E' questo il modo di aiutarci con un film, tu che te ne sei andato a far cinema invece di vivere in mezzo ai tuoi e alle loro difficoltà?

Interessante analisi, probabilmente con spiccate valenze autobiografiche, della valenza del linguaggio cinematografico di fronte alle difficoltà e alla violenza della vita, dell'importanza delle scelte, del passato, dei rapporti famigliari e dell'amicizia. Uno spaccato di vita e un documentario su un quartiere povero abitato esclusivamente da gente di colore nella capitale americana. Tutto questo nel bel film d'esordio di Merawi Gerima presentato alla Mostra di Venezia 2020.

Quasi nullo il product placement, solo una citazione per Versace.

Stefano barbacini

©www.dysnews.eu

Share |