Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
5 Agosto 2017 - 00:51

SPECIALE SERGEJ EIZENSTEJN

 Print Mail
Sciopero (Sergej Eizenstejn, URSS, 1925)
SPECIALE SERGEJ EIZENSTEJN

Continuiamo con il viaggio attraverso il cinema di Ejzenstejn con il suo primo film Sciopero, ribadendo ancora una volta che essendo un sito di analisi "markettara" lasciamo a persone più titolate l'analisi completa delle opere di uno dei padri del costruttivismo sovietico. 

Quello che interessa a noi è più che altro la completezza dei nostri archivi sulle analisi pubblicitarie/propagandistiche delle varie cinematografie mondiali: Russia compresa.

Come nel caso de La corazzata Potemkin, anche il primo film del regista doveva far parte di un progetto più ampio: il proletkult che prevedeva 8 film a tema, e per l'esattezza su importazione dall'estero di letteratura di contrabbando, stampa clandestina, lavoro fra le masse, primo maggio, sciopero, perquisizioni e arresti, prigione e deportazione, evasioni. Alla fine su 8 film ne rimase solo uno: quello del maestro.

Le vicende parlano di uno sciopero prima della rivoluzione. Gli operai non sono contenti ci avvisa praticamente subito il regista ma più che altro parlottano. Quello che fa traboccare il vaso è il suicidio di un loro compagno accusato ingiustamente di un furto. Non potendo dimostrare la sua innocenza si impicca ad uno dei macchinari.

Da quel momento la rivolta sta per cominciare e a poco a poco si svilppa in varie fasi (segnati dagli atti come per la corazzata) che vedranno coinvolti gruppi di disadattati, operai, servizi segreti, esercito e pompieri.

Il talento visionario del regista è già chiaro da questo primo lavoro, a mio avviso più bello di altri film come la corazzata. Guardate solo la sequenza dei vari personaggi animali, quella delle botti o la battaglia finale nella sorta di complesso che ricorda le vele.

Nessun placement a parte alcune scrite in cirillico sui macchinari e lo champagne dei capitalisti che però non si riesce ad identiicare.

Gerardo Corti

Stachka

Regia: Sergej M. Ejzenstejn
Produzione: Mosfilm
Data di uscita: 28/04/1925

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |