Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
5 Febbraio 2021 - 20:19

L'EROINA CON LE MUTANDE PUMA

 Print Mail
Buybust (Erik Matti, Filippine, 2018)
L'EROINA CON LE MUTANDE PUMA

Nella marea di proposte di Netflix, che ci propone anche film e fiction da nazioni insolite per l’Italia, siamo andati a scovare un action del 2018 di Erik Matti, uno dei più famosi registi delle Filippine, che è una bella chicca.

BuyBust vede come protagonista Nina Manigan (la popolare Anne Curtis, conduttrice televisiva, attrice e cantante), poliziotta inserita in una nuova squadra antidroga dopo che i suoi precedenti compagni sono stati sterminati in un’azione andata male. Mal vista dagli altri perchè viene additata come portasfortuna, sembra mantenere fede alla propria “fama” quando la missione per catturare Biggie Chen, un signore della droga, finisce per rivelarsi una trappola mortale.

L’azione si svolge a Gracia, uno slum di Manila, in una notte di tregenda. Il gruppo di Manigan si trova intrappolato nel dedalo inestricabile di vicoli e baracche con gli uomini di Chen che li inseguono per ucciderli aiutati dalla popolazione che propende, per paura o odio, verso l’aiuto ai malviventi. Una vera e propria mattanza si scatena mentre dal cielo cominciano a scendere piogge torrenziali. I vicoli si trasformano in canali di acqua e fango e vi navigano sopra i cadaveri sempre più numerosi; delinquenti, poliziotti e gente comune sono falcidiati da armi da fuoco, coltelli e financo una enorme forbice con cui una donna viene decapitata. L’azione si svolge in mezzo al fango, i protagonisti sono inzuppati, insanguinati ed insudiciati muovendosi sui tetti di latta arrugginita e legno marcio e catapecchie in disfacimento; il sangue scorre a fiumi e Matti non ci va leggero con buchi nella carne, lacerazioni e membra sbrindellate. Un girone infernale senza un attimo di tregua.

Peccato che il regista si faccia prendere la mano e l’eroina diventi un po’ troppo “supereroina” e i combattimenti corpo a corpo si susseguano ripetitivamente per le più di due ore di film (troppe…) perché il film si immerge senza requie con la sua videocamera in un’ambientazione infernale scovando corruzione e marciume.

Segnaliamo un bel product placement per Puma. Mentre Manigan rischia la pelle in un corpo a corpo la vediamo mettere la mano dietro di sé per prendere un arma, segue dettaglio del suo rosso intimo con il brand in primissimo piano…

Stefano barbacini
https://www.youtube.com/watch?v=33XZIrH2Hk8

www.dysnews.eu

Share |