Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
5 Febbraio 2018 - 21:27

LEISURELAND IL MONDO RIDOTTO DOVE UN CRACKER NABISCO PUO' SFAMARE PER SETTIMANE

 Print Mail
Downsizing (Alexander Payne, USA, 2017)
LEISURELAND IL MONDO RIDOTTO DOVE UN CRACKER NABISCO PUO' SFAMARE PER SETTIMANE

L’idea di partenza è poco meno che geniale. Per risolvere il problema della sovrappopolazione e della mancanza di risorse, uno scienziato norvegese riesce a scoprire il modo per rimpicciolire le persone ad un’altezza di circa 12 cm. Farsi rimpicciolire diventa così una moda e una possibilità di fuggire le difficoltà del mondo perché le “città” miniaturizzate che nascono un po’ ovunque permettono di vivervi in modo lussuoso con i pochi soldi risparmiati nel “mondo grande”. Una casa enorme nel mondo ridotto costa poco più di una casa giocattolo, le risorse alimentari non costano nulla dato che basta un duemillesimo di quantità per soddisfare i bisogni di un uomo. Pertanto con i pochi soldi risparmiati nel mondo normale si riesce a vivere in maniera più che soddisfacente in quello piccolo.

Così è la prima parte di questo Downsizing, anomala opera di fantascienza nella filmografia di Alexander Payne. L’argomento permetterebbe un’analisi corrosiva della nostra società che va verso la distruzione e quando Matt Damon, il protagonista Paul Safranek, decide con la moglie di farsi rimpicciolire è questo che ci aspettiamo. Così come ci aspettiamo che in effetti questo mondo meraviglioso non sia propriamente una soluzione così idilliaca. Infatti Paul vi troverà da una parte una società ricca e decadente (in cui primeggia la gigioneria di un Christoph Waltz incontenibile) e dall’altra una periferia fatta di poveracci accattoni e disperati, esattamente come il mondo normale sta per diventare, un mondo in cui esisteranno solo ricchissimi nullafacenti e morti di fame. Perché se con qualche soldo nel mondo ridotto puoi vivere senza problemi è pur vero che se soldi non ne hai così è anche qui (lo zero moltiplicato dà sempre zero). Inoltre se per i benestanti farsi rimpicciolire è una soluzione ottimale, per altri diventa una punizione e una castrazione. Non ci mettono molto i potenti a rimpicciolire i rivoltosi, come non ci mettono molto a decidere di rimpicciolire gli immigrati (che soluzione comoda sarebbe per Salvini…) e così via.

Come si può capire il materiale è magmatico e potente ma messe queste basi Payne decide di non interessarsi più del dualismo umanità macro vs. umanità micro ma trasforma il film in una commedia in cui si ripropone l’abusato cliché dell’incontro di due culture e di due personalità (Paul incontra una ribelle di un paese asiatico a cui è stata tagliata una gamba e poi è stata rimpicciolita e che vive di espedienti aiutando con il suo lavoro di donna delle pulizie i poveri dello slum in cui abita). Ripropone quindi il suo cinema rientrando nei ranghi e se questa seconda parte del film resta comunque piacevole, lo stesso non si può dire per l’ultima mezzora di quest’opera troppo lunga.

I nostri (la vietnamita, Paul, Waltz e un amico di questo) viaggiano verso la Norvegia, dove tutto è iniziato, e allo spettatore viene inflitta un’insopportabile miscela di romanticismo d’accatto, favola ecologista e apologo apocalittico!

Su i Cahiers du cinema la recensione di Vincent Malausa si conclude così: “la favola funziona per un tempo, il tempo dell’esplorazione ludica di questo micro-mondo di Lego umano lascia il posto a un umanitarismo Benetton di una stupidità e di un’ipocrisia senza vergogna”. Parole che sottoscriviamo (P.S. possiamo parlare di product placement nella critica cinematografica?).

La produzione del film ha setacciato fondi mostrando alcuni franchising presenti a Omaha, Nebraska (anche se il film è girato a Toronto), tra cui OMAHA STEAKS, LA CASA PIZZARIA, CHEESECAKE FACTORY, OLIVE GARDEN ITALIAN RESTAURANT.  Curiosa la presenza di due brand di crackers, OH-MAK e NABISCO PREMIUM. FIRST NATIONAL BANK e FEDEX, entrambe citate rappresentano invece il product placement di serie A.

STEFANO BARBACINI

Downsizing - Vivere alla grande

Regia: Alexander Payne
Produzione: Paramount
Data di uscita: 02/01/2018
Brand:
Fedex

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |