Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
3 Novembre 2021 - 12:05

SPECIALE LUFF LAUSANNE UNDERGROUND MUSIC & FILM FESTIVAL

 Print Mail
Lost Boys (Sadri Centikaya & Joonas Neuvonen, Fin, 2020)
SPECIALE LUFF LAUSANNE UNDERGROUND MUSIC & FILM FESTIVAL

Partiamo dall'inizio 2010 il regista Joonas Neuvonen, presente al LUFF Losanna Underground Film festival con questo film in gara nella sezione documentari, gira il film documentario Reindeerspotting - pako Joulumaasta (Escape from Santalad) con protagonista Jani Raapana un giovane tossico che vive con i sussidi con un altro suo amico nella città di Rovaniemi, la città, per la cronaca, di Babbo Natale. Dopo aver vinto qualche premio e girato vari festival, i due, accompagnati dall'amico Antii vanno a Bankog (bravi bella scelta) per festeggiare degnamente il successo. E qui le questioni si complicano perché ci sono varie interpretazioni fra noi spettatori su cosa sia successo e quando, perché il film si sviluppa su due fronti paralleli: i filmati recuperati di quella vicenda e la successiva ricerca dei due

Mi spiego meglio ad un certo punto il regista torna in Finlandia, si ma quando? Si sarebbe dovuto analizzare meglio le riprese della "prima" parte per capire quante persone c'erano nella stanza anche perché il regista non si inquadra mai se non in una sequenza finale, cosa che più volte fa sospettare che sia tutto finto. Invece, abbiamo controllato, ed è tutto vero.

Comunque nella prima parte Janis ed il suo amico sono a Bankhog sembra a fare i nababbi. Drogarsi, bere e andare a donne. Ad un certo punto sono in una villa con piscina con due ragazze, una delle quali dichiara di essere la promessa sposa di Janis. Poi ad un certo punto fra un buco e una botta si trovano sulla terrazza di un quartiere malfamato a bere birra Angkor (molto improbabile il product placement) dicendo che sono passati in Cambogia (when the drug is free and the girls are pretty ndr) dove le ragazze sono più belle e disponibili. Qui dopo i soliti passaggi in camera a bucarsi bere e trombare si arriva a Lee Lee, ragazza del Martini Café (anche in questo caso escludo il product placement), che incomincia a frequentare la loro camera bevendo drogandosi e scopando di cui Janis si innamora. E in questo momento si sa che i due da nababbi sono praticamente diventati barboni dei quartieri più malfamati.

Parte seconda il regista viene a sapere che Janis è morto impiccato (omicidio o suicidio?) e l'amico è sparito. Torna quindi sulle sue tracce seguendo i filmati che ha e ripercorre lo stesso viaggio trovando con molta difficoltà sia l'amico che Lee Lee. La verità che ne salta fuori non è una verità definitiva. L'amico ipotizza che Lee Lee l'abbia fatto cadere in una trappola, Lee Lee dice che lo amava, la polizia se ne sbatte. Anche il regista rischia molto nella sua ricerca quindi dopo aver rilasciato una dichiarazione ambigua rientra in Finlandia e viene arrestato alla dogana per traffico di droga. Bel film documentario, fra le cose più interessanti viste al festival di quest'anno e che contiene scene forti come quelle di sesso, dei buchi per l'eroina, le ricerche fra i vicoli bui e le lotte estreme fra ragazzini sul Ring fra scommettitori di fronte ad un McDonald's (e anche su questo il product placement...), comunque da vedere anche se non sapremo mai la verità definitiva su Jani Rapanaa.

Gerardo Corti

Lost Boys

Regia: Joonas Neuvonen
Produzione: Helsinki-Filmi
Data di uscita: 19/10/2021

Attenzione: l'accesso ai link č riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |