Facebook Twitter Canale Youtube RSS
CINEMA
3 Settembre 2021 - 18:28

SETTE, DROGA E CORONA FREDDA

 Print Mail
Borderland, linea di confine (Zev Berman, USA, 2007)
SETTE, DROGA E CORONA FREDDA

Tre studenti americani, ognuno dei quali rappresenta un diverso modo di esserlo, americano intendo. Abbiamo il convinto del Sogno Americano, sicuro di sé e del suo futuro sicuramente brillante e ritiene che se i poveri esistono è solo perchè sono pigri e non fanno nulla per rincorrerlo, il Sogno. Poi abbiamo il vergine bigotto il cui comportamento è determinato da tabù religiosi e la sua psiche terrorizzata dal peccato e dalle fiamme infernali. Infine abbiamo l’umanitario, la parte che pur non sottraendosi ai soprusi del privilegiato, ha intenzione di andare in Africa ad aiutare i poveri del mondo.

I nostri eroi decidono di varcare il confine con il Messico per giornate di godimento, droga, donne ed esotismo a buon mercato. Mal gliene incoglie perché si troveranno sprofondati nell’infernale subconscio creato alle loro porte con i mostri creati proprio dai soprusi, dagli interessi e dagli sfruttamenti della ricca America del nord sui vicini. La parte nera e pericolosa alter ego della civiltà. Le sue scorie che, come ci hanno insegnato Romero con i suoi Zombie, Winslow e Bolano con i loro racconti di narcotrafficanti e killer psicolabili, si ribellano e vanno a sconvolgere le certezze dei cosiddetti civilizzati.

Tra riti magici, credenze pagane ancestrali, droga e violenza gratuita si erge la figura malefica del narcotrafficante/stregone con il suo seguito di femme fatale/streghe pronto a fare (letteralmente) a pezzi il Sogno Americano.

Borderland linea di confine è un film del già, ahimé, lontano 2007 ispirato da avvenimenti reali su una setta che riteneva di far diventare invisibili i camion con cui portava droga al di là del confine grazie a sacrifici umani, questa storia ci viene raccontata dal regista Zev Berman (che da allora nulla purtroppo ha più diretto) ammantando la Baja California di un’atmosfera giallo-marcio che rende bene l’idea di anticamera dell’inferno in cui i nostri si ritrovano immersi. Sbraga un po’ nel finale ma non è affatto male.

Product placement per un paio di birre tra cui spicca la Corona

Stefano barbacini

Borderland

Regia: Zev Berman
Data di uscita: 10/10/2007
Brand:
Corona

Attenzione: l'accesso ai link è riservato agli abbonati Dy's World


©www.dysnews.eu

Share |